Skip to main content

UMBRIA: le ceramiche Rometti di Umbertide

Data: 
Domenica 9 febbraio 2020

L’uscita in programma, che si svolgerà interamente ad Umbertide, avrà la durata di mezza giornata più il tempo per il pranzo.

L’iniziativa sarà volta alla conoscenza della storia delle ceramiche Rometti, ne approfitteremo anche per visitare due interessanti monumenti quali la ex Chiesa di Santa Croce oggi museo e la Rocca di Umbertide.

Partenza: con mezzi propri alle ore 8:45 Perugia parcheggio Centova; alle ore 9:00 parcheggio piazza Bellini Ponte San Giovanni (davanti ai carabinieri) e formazione equipaggi.

Ritrovo: ad Umbertide per chi è già in zona ore 9:30, presso il museo Rometti in piazza Carlo Marx Umbertide, dove ci ritroveremo con chi arriva da Perugia e dove lasceremo le auto che riprenderemo solo alla fine del nostro incontro.

Museo Rometti

Ore 9:30 inizio visita guidata al Museo, dove David Menghini ci farà da guida illustrandoci le opere presenti e raccontandoci la storia delle ceramiche Rometti.

La storia della Rometti è rappresentata da oltre 200 opere, dalle prime realizzazioni alle collezioni attuali. Fondata da Settimio e Aspromonte Rometti nel 1927 l’azienda, grazie al contributo fondamentale di Dante Baldelli, Corrado Cagli e Mario di Giacomo, fecero uscire dai forni oggetti che recavano traccia delle più avanzate tendenze artistiche dell’epoca, in una sintesi formale tra primitivismo, futurismo, razionalismo, art decò e influssi della Bauhaus.

Tra alti e bassi, l’azienda sopravvivrà poi a tutti i grandi sconvolgimenti sociali e politici del ‘900. La svolta arriverà negli anni ’90 quando l’azienda si avvarrà delle competenze di artisti esterni, tutti rappresentati nella collezione del museo.

La sezione dedicata al premio Rometti, dal 2013 offre ogni anno opportunità a nuovi talenti per assicurare all’azienda quel carico di novità di cui si è sempre nutrita.

Il museo è ospitato nei locali della Fabbrica Moderna (Fa.Mo.), dove è collocato anche il cinema Metropolis, oltre alla Biblioteca Comunale. 

Proprio all’interno del Museo, è ospitata la seconda sala di proiezione del cinema Metropolis.

La visita avrà la durata di un’ora circa.

Santa Croce

Ci incammineremo verso l’ex Chiesa Museo di Santa Croce percorrendo un tratto urbano denominato Parco della Reggia ed un breve tratto del percorso del Tevere, risaliremo in fondo a p.zza San Francesco (La Caminella) per poi visitare il museo di Santa Croce dove potremmo ammirare la Pala di Deposizione di Luca Signorelli. L'opera dipinta dal maestro cortonese nel 1516 sull'altare maggiore della Chiesa ora Museo, è l'unica opera su tavola, fra i tanti lavori del pittore toscano a trovarsi ancora nel suo sito originale.

Oltre alla deposizione si può ammirare, in una sala interna, un grande quadro del Pomarancio “Madonna col Bambino in gloria tra angeli e santi" proveniente dall’attigua chiesa di San Francesco ed ad altre opere di notevole interesse.

La rocca

Risalendo verso il centro di Umbertide raggiungeremo la Rocca, fortezza medioevale, da sempre simbolo della cittadina.

L'opera terminata nel 1389 fu progettata dall'architetto Angeluccio di Ceccolo, detto il Trocascio; la fortezzaè costituita da una torre quadrata di m. 7.60 di lato e di m 31.60 di altezza di fronte al torrente Reggia. Nel 1394 nella Rocca fu rinchiuso prigioniero Braccio Fortebracci da Montone. Dal 1798 la Rocca fu destinata al servizio delle pubbliche carceri e tale utilizzo continuò fino al 1923. Da questa data fu abitata fino al 1974. Resa di nuovo visitabile al pubblico nel 1986, è divenuta la sede permanente del "Centro per l'Arte Contemporanea" e ospita durante tutto l'anno mostre di varia natura.  Domenica 9 febbraio troveremo la mostra fotografica "Sali d'argento e megapixel - mezzo secolo di fotografi (a) ad Umbertide. Ricordando Peppe Cecchetti".

 

 

Al termine della visita Andrea e Michela prepareranno un semplice pasto che consumeremo dentro la piccola sede dello Slow Food, nonché Taverna dei Mille, collocata nellpera terminata nel 1389 fu progettata dall’architetto Angeluccio di Ceccolo, detto il Trocascio; la fortezza è costituita da una torre quadrata di m. 7,60 di lato e di m.31,60 di altezza di fronte al torrente Reggia.Nel 1394 nella Rocca fu rinchiuso prigioniero Braccio Fortebracci da Montone. Dal 1798 la Rocca fu destinata al servizio delle pubbliche carceri e tale utilizzo continuò fino al 1923. Da questa data fu abitata fino al 1974. Resa di nuovo visitabile al pubblico nel 1986, è divenuta la sede permanente del "Centro per l’Arte Contemporanea" e ospita durante tutto l’anno mostre di varia natura.Domenica 9 febbraio, troveremo la mostra fotografica "Sali d'argento e megapixel - Mezzo Secolo di Fotografi(a) ad Umbertide. Ricordando Peppe Cecchetti”.a piazza sottostante la Rocca, che nel periodo di fine estate è teatro della rievocazione storica “Fratta dell’Ottocento” con la truppa dei garibaldini.

Interesse: Storico artistico.

Difficoltà: Nessuna.

Durata dell’uscita: 3,30 ore, più il pranzo (facoltativo)

Quota di partecipazione: costo ingresso al museo Rometti con guida € 5

Pranzo € 5 ( prenotazione obbligatoria )

Costo del carburante da dividere tra i membri dell’equipaggio.

Ritorno a Perugia: ore 16.00 circa.


 

Un eventuale annullamento per maltempo o per qualsiasi altra causa verrà comunicato per e-mail entro sabato 8 febbraio; pertanto gli iscritti all'escursione sono invitati a controllare la loro posta elettronica, oppure a consultare il sito di NaturAvventura. In mancanza di comunicazioni, l'escursione risulterà confermata e si svolgerà regolarmente come da presente programma.

Prenotazioni:


Per leggere i dettagli di questo campo, devi risultare iscritto all'associazione: se lo sei clicca qui:
Accedi.
In caso contrario Iscriviti o Rinnova
Pubblicato su