Versione stampabile

Domenica 16 giugno 2024 VALNERINA Ex Ferrovia Spoleto – Norcia

associazione culturale in Perugia dal 1986
Casella Postale n° 73 - 06132 San Sisto (PG) email: post@naturavventura.it – www.naturavventura.it

Domenica 16 giugno 2024

VALNERINA

Ex Ferrovia Spoleto – Norcia

 IL MITICO TRENINO AZZURRO A MISURA DI UOMO E NATURA

 

 

La ferrovia Spoleto-Norcia fu inaugurata in forma solenne il 1° novembre 1923. Per 45 anni questa stupenda ferrovia lunga 52 km svolse il suo compito di collegamento tra Spoleto e Norcia con dignità e perfetta armonia con la natura da essa attraversata. Fu negli anni '50 che a livello centrale il governo di allora decise di privilegiare il trasporto di persone e merci su strada. Iniziò allora una lenta agonia che si concluse con la soppressione del migliore esempio di "ferrovia alpina nella penisola" a partire dal 1° agosto 1968. Vani furono gli interventi delle Istituzioni Umbre del Ministro del Turismo dell'epoca e di Italia Nostra perchè si considerasse l'alto valore artistico, paesaggistico e tecnologico dell'opera.

Alla chiusura seguirono anni di indiscriminate distruzioni e selvagge profanazioni, come se una volontà superiore avesse voluto esprimere un monito a chi non assecondava lo sviluppo del trasporto su strada di persone e merci.

Oggi, a 100 anni dalla nascita della ferrovia Spoleto - Norcia ed a 55 dalla chiusura, il trenino azzurro ha ancora una anima, dalla immediata periferia di Spoleto dove il tracciato inizia ad inerpicarsi verso la montagna fino a Sant'Anatolia di Narco, camminatori, ciclisti e cavalieri rinnovano ancora l'amore per questo fiabesco esempio di progresso e paesaggio. Ricevono in cambio una miniera di sensazioni, di suggestioni e il sentirsi in viaggio in una favola: tutte impressioni che i viaggiatori di allora provavano affacciati ai finestrini per tutte le due ore di viaggio. E' stupefacente e ammirevole come le generazioni di quell'epoca siano riuscite a trasmettere a quelle successive un mito che il passare del tempo non attenua.

Ritrovo e partenza:  ore 7.00 parcheggio Borgonovo; ore 7.15 piazza del Mercato a Ponte San Giovanni. Colazione durante il tragitto in autobus
Mezzo di trasporto:  Autobus
Rientro a Perugia:  verso le 19.00
Percorso in pullman/macchina:  Perugia - Foligno - Spoleto
Organizzatori:  Alvaro Berligi  Paolo Alunni  
Descrizione itinerario a piedi

Arrivati a Spoleto, prima delle 9,00, andremo a visitare il museo della ex ferrovia situato all'interno della ex stazione di partenza del “TRENINO AZZURRO” . Il curatore del museo sig. Capacci Paolo ci introdurra' alla visita dello stesso ripercorrendo le vicende che nel 1923 portarono all'inaugarazione della ferrovia e nel 1968 alla chiusura. Nel museo sono esposti vari oggetti e attrezzature usati per l'esercizio del servizio ferroviario.

Verso le ore 10,00 ci sposteremo nella immediata periferia di Spoleto dove ha inizio il tratto di montagna della linea ferroviaria. C'è da dire che tutto il tragitto è coperto da alberature che in caso di giornata soleggiata ci eviterà di soffrire il caldo. La prima sosta la effettueremo presso la stazione di Caprareccia dopo essere passati sul viadotto di Cortaccione, splendido panorama sulla valle umbra verso Foligno, nonchè avere effettuato il giretto che ci farà passare sull'omonimo viadotto della Caprareccia. Presumibilmente ci fermeremo lì per il pranzo. Dopo la sosta ristoratrice percorreremo la galleria più lunga della linea, circa 2 km, all'uscita dalla stessa inizieremo la discesa verso S. Anatolia di Narco. Questo sara il tratto con più gallerie, viadotti, stazioncine e caselli. Entreremo nella galleria elicoidale, capolavoro di ingegneria, ed all'uscita inizieremo a vedere la Valnerina e S.Anatolia di Narco. Percorrendo un tratto con ampi tornanti, dolcemente perderemo dislivello fino ad arrivare nelle vicinanze della ex stazione di S.Anatolia di Narco, dove ha fine l'escursione.

Difficoltà:  E - escursionistico - 18 km di cammino tranquillo; essendo un tracciato ferroviario i dislivelli sono molto attenuati da numerosi tornanti
Lunghezza percorso:  18 km
Dislivelli:  350 in salita e 350 in discesa
Ore di cammino escluse le soste:  ca 6 ore
Interesse:  Storico e paesaggistico
Pranzo:  pranzo al sacco; portare adeguata quantità di acqua. Alla stazione di Caprareccia c'è una cannella per rifornirsi. Possibilità di merenda rinforzata all'arrivo a S. Anatolia di Narco verso le 16.00 - 16.30, presso la macelleria Ripanti, con tagliere di formaggi ed affettati, tutti di produzione del gestore, costo Euro 10,00 escluse le bevande.
Indicazioni utili

Abbigliamento: obbligatori scarponcini alti alla caviglia, consigliati bastoncini, giacca a vento,  abbigliamento adatto alla stagione.

Essendo le gallerie prive di illuminazione, le torce elettriche sono assolutamente indispensabili (prima della partenza controllare la carica delle batterie!)

 

 

Quota di partecipazione individuale

L'escursione viene svolta esclusivamente con il pullman. Se non riusciamo a raggiungere un numero adeguato di participanti l'escursione verrà annullata.

Costo del pullman: da euro 18,00 a un massimo di euro 25,00, in base al numero di partecipanti;

Costo del biglietto visita museo: euro 2,00

Tagliere a fine escursione (facoltativo): euro 10,00 (da prenotare al momento dell'iscrizione)

Un eventuale annullamento per numero insufficiente di partecipanti, maltempo o qualsiasi altra causa verrà comunicato in tempo utile per email a tutti i soci, che sono pregati di controllare la loro posta elettronica, oppure di consultare il sito di Naturavventura. In mancanza di comunicazioni l’iniziativa si svolgerà come da presente programma.

L’iniziativa è riservata ai soci in regola con il pagamento della quota associativa dell’anno in corso.