Skip to main content

Regolamento

Premessa

Al momento della 1^ adesione a NaturAvventura, viene consegnato l’Atto Costitutivo, lo Statuto ed il seguente Regolamento, che costituiscono le basi sulle quali ci ritroviamo insieme.

È comunque bene ricordare come l’Associazione viva dell’impegno volontario dei componenti del Consiglio Direttivo e di quanti altri propongono e gestiscono le iniziative; non è quindi né una agenzia di viaggi, né l’oratorio parrocchiale, né un ente no profit erogatore di servizi: tutte cose serie ma diverse. NaturAvventura nasce per condividere insieme il tempo libero, cercando di visitare terre e luoghi non sempre noti, sforzandosi di coglierne gli aspetti culturali, storico, paesaggistici sempre con l’impegno di volontari.

L’approccio quindi con cui rapportarsi non può essere mai quello della pretesa, ma bensì quello della collaborazione, sia durante le escursioni, sia durante le serate e anche per le uscite di più giorni.

Chi può e come partecipare alle varie iniziative

1)     Le iniziative sono riservate ai soci in regola con il pagamento della quota di iscrizione per l'anno in corso.

2)     Il socio è tenuto al pagamento della quota, relativa al rimborso delle spese, fissata dal Consiglio Direttivo per ogni iniziativa.

3)     Il socio già prenotato per una iniziativa che non partecipa, fatti salvi i casi di effettiva forza maggiore, è tenuto comunque al pagamento della quota di rimborso spese.

4)     Non sono ammessi alle iniziative i minori di età se non accompagnati dai genitori; sono comunque esclusi, di regola, i minori di anni 6.

5)     L'iscrizione alle escursioni comporta inequivocabilmente l’assunzione delle seguenti responsabilità:

·          Possedere un minimo grado di preparazione fisica e  partecipare a gite soltanto se dalla lettura delle caratteristiche dell’escursione si ritiene di essere fisicamente in grado di farla.

·         È  obbligatorio, senza alcuna eccezione, dotarsi dell’abbigliamento e attrezzatura indicato nel dettaglio delle iniziativa e in ogni caso: scarponi da trekking, giacca a vento e borraccia.

·         Aver preso visione e cognizione delle caratteristiche della escursione (difficoltà, lunghezza, tempi di durata, passaggi particolari, ecc.).

6)     Osservare durante le escursioni i seguenti comportamenti:  

·         Rispettare scrupolosamente l’orario di partenza.  

·         Massimo rispetto dell'ambiente.                          

·         Osservare scrupolosamente le indicazioni del responsabile di gita (accompagnatore volontario), relativamente a tutta la durata dell'escursione.

·         Non allontanarsi dal gruppo, senza comunicarlo a qualche altro partecipante.

·         Per le uscite di più giorni vale l’approccio detto all’inizio:

o       si può stare a tavola con tutti, meglio se con chi si preferisce

o       si può condividere la camera con tutti, meglio se con chi si preferisce

o       si prenota come e quando indicato, altrimenti non servirebbe scriverlo

7)     Il mancato rispetto dei punti precedenti comporta, a carico del Consiglio Direttivo, dapprima un richiamo al socio trasgressore ed in caso di recidiva, la rescissione dell’iscrizione.

Chi e come presentare le iniziative

a.  qualsiasi iscritto può presentare proprie proposte, nei tempi e nei modi stabiliti di volta in volta dal Consiglio Direttivo;

b.    non vanno presentate semplici idee, ma proposte effettive di attività che il/i proponente/i deve poi preparare e gestire (compresa la distribuzione durante le uscite di materiale relativo ai motivi di interesse che hanno ispirato la proposta); sarebbe opportuno che per le escursioni i presentatori siano almeno 2

c.    il programma dettagliato delle singole iniziative messe in calendario deve essere messo a disposizione dal proponente al Consiglio Direttivo almeno 15 giorni prima della data di effettuazione