Skip to main content

Sostegno alla Valnerina - presentazione del progetto e della raccolta fondi

Data: 
20 settembre 2017

A TUTTI I SOCI

Da quando è nata la nostra associazione, la Valnerina e il Parco Nazionale dei Monti Sibillini sono stati meta di numerosissime escursioni. E’ una zona dell’Umbria che ci è molto cara, basti pensare alle magnifiche giornate che ci abbiamo passate insieme, camminando lungo vecchie mulattiere, alla scoperta di antichi borghi, oppure arrampicandoci sulle creste più elevate dei Monti Sibillini.

Dopo gli eventi sismici del 2016, malgrado le difficoltà legate alla viabilità di strade e sentieri, abbiamo voluto incrementare la nostra presenza in questo territorio profondamente ferito. Nel 2017 ci sono state organizzate ben 5 escursioni e non a caso anche la giornata dell’accoglienza, organizzata il 14 settembre in collaborazione con il Liceo Alessi, si è svolta lungo le sponde del Nera: abbiamo portato ca 400 ragazzi a conoscere la Valnerina, facendoli fare un percorso a piedi fra Scheggino, Sant’Anatolia di Narco, San Felice di Narco e Vallo di Nera.

Continuare a frequentare le zone terremotate è importante per la ricostruzione, ma possiamo fare di più. Abbiamo individuato due “situazioni” a cui ci sentiamo particolarmente legati e che vogliamo sostenere con un contributo economico:

Restauro delle sedie della Chiesa della Madonna delle Forche, vicino a Vallo di Nera.

Il legame con il Sindaco di Vallo di Nera, Agnese Benedetti, è nato nel 2005, quando, al termine di una escursione sul Coscerno siamo scesi a Vallo. Molti di noi si ricorderanno l’accoglienza eno-gastronomica, e lo spettacolo delle Vallannate, unico nel suo genere, offerto da alcuni anziani del paese. L’anno scorso, quando siamo ritornati a Vallo in occasione della festa Fior di Cacio, Agnese insieme ad Agostino Lucidi del Cedrav, ha organizzato una splendida visita guidata, facendoci conoscere i luoghi anche più nascosti del loro paese.

Purtroppo anche a Vallo il recente terremoto ha fatto dei danni al patrimonio storico-artistico. Su indicazione di Agnese ci siamo impegnati in un progetto a misura delle nostre tasche, che riguarda il restauro delle sedie della piccola Chiesa della Madonna delle Forche, molto amata dalla popolazione locale. Tale restauro verrà effettuato da un artigiano locale.

Fornitura di fieno, granoturco, orzo e biada ecc. al pastore Costantino Paolantoni a Roccanolfi.

Il legame con il pastore Costantino e la moglie Cinzia è recente e nato quasi per caso, durante una escursione a giugno nella Valle Oblita.

Il paese di Roccanolfi (a 5 km da Preci) ha subito grossi danni a seguito del terremoto, ed è quasi tutta zona rossa. I pochi abitanti si sono trasferiti altrove, da parenti o in altre sistemazioni. Anche la casa di Costantino è inagibile. Non potendo lasciare il suo gregge di 150 pecore e capre, la famiglia ha passato tutto l’inverno in un garage accanto alle stalle. In primavera è arrivato un container, di cui sono molti grati. La famiglia è una delle poche che ancora resistono a Roccanolfi.

Li avevamo contattati per comprare un po’ di pecorino prima di tornare a Perugia, e ci hanno preparato un rinfresco memorabile, con tavoli apparecchiati sotto un ciliegio, assaggi di formaggio, lonza, crostate, ecc tutta roba che si abbinava bene con il vino di Busti. Il 30 luglio una ventina di soci ha partecipato al grande pranzo a base di capretto, agnello e pecora, offerto da Costantino e Cinzia per ringraziare tutte le persone che li avevano aiutati, in tutto un centinaio fra volontari del servizio civile e altri gruppi.

Apprezzando il coraggio, la fierezza e la generosità di Costantino e Cinzia, desideriamo rimanere in contatto con loro, prospettando altri incontri nel futuro. Nel frattempo, con l’inverno alle porte, e dopo un estate disastroso a causa della siccità, li vogliamo sostenere con un contributo di mangime per le loro pecore e capre.

Il Direttivo ha quindi deciso di aiutare subito Costantino, con una fornitura di granoturco, orzo e biada, in tutto 18 quintali, al prezzo di Euro 500,00 trasporto compreso. Il camion partirà venerdì 6 ottobre ore 8.30 da Torchiagina, dal negozio Brunori Alessandro snc, all’ingresso del paese sulla destra. Chi volesse partecipare alla donazione, salutare Costantino e Cinzia e comprare una forma di pecorino, è pregato di contattare Ineke al numero 349 0752704.

Nello stesso tempo viene aperta una sottoscrizione per sostenere la Valnerina terremotata: invitiamo tutti i soci a fare una (piccola) donazione in denaro, tramite

  • versamento sul conte corrente postale n° 17177064 intestato a NaturAvventura; oppure

  • bonifico bancario IBAN IT64 F076 0103 0000 0001 7177064 intestato a NaturAvventura

indicando come causale: VALNERINA

I fondi raccolti serviranno per il restauro delle sedie della Chiesa della Madonna delle Forche e per per eventuali altre forniture di mangime per Costantino o altri pastori nella zona di Preci.

Ringraziamo fin d’ora tutti i soci per la loro generosità.

Vi terremo aggiornati sull’evolversi delle nostre iniziative di solidarietà.

Il Consiglio Direttivo