Skip to main content

MONTAGNOLA SENESE: Villa Cetinale – armonia d’arte e natura

Data: 
Domenica 4 settembre 2016

Partenza: ore 8.30 Pian di Massiano – parcheggio lato minimetro. Sosta colazione durante il tragitto in autobus

Itinerario in autobus: Perugia – Siena-Sovicille-Pievescola

Itinerario a piedi:

A Pievescola si parte dalla villa medicea, ora sontuoso Relais La Suvera, per una traccia che sale una collina boscosa. A un bivio, merita una breve deviazione il Castellaccio, proprio come dice il nome, una torre medievale ormai rudere nella fitta lecceta. Si continua a mezza costa fino a salire il Poggio S. Michele, una radura con ampie vedute verso Colle Val d’Elsa.

Da qui entrando in fossi oscuri e umidi con massi coperti di fiorente muschio, si arriva nei pressi del borghetto di Cetina, un gruppo di casali restaurati nell’amena campagna senese.

Proseguendo per la carrareccia attraverso campi ombrosi, arriviamo alla Pieve di S. Giovanni a Pernina (499m). Appare maestosa tra gli alberi. Una breve sosta e poi ecco un sentiero per il Romitorio, costruzione settecentesca; ormai siamo nel parco della villa Cetinale (sec. XVII).

Proprio dal poggio del Romitorio parte la Scala Santa, una serie di gradini ora non praticabili; da qui la vista cade sul retro del palazzo, dove si disegna l’antico giardino all’italiana. Un indizio su sfarzi degni di una corte principesca, assai poco campestri. Infatti il parco boschivo dove scendiamo per raggiungere l’ingresso principale, chiamato la Tebaide, ricco di statue e vialetti, descrive un gusto di ozi e passeggiate che evocano piuttosto uno stile elegante e mondano che un solitario spirito ascetico.

L’edificio e gli annessi del Cetinale tra cui passiamo, ora privati, concludono la traversata, ma ripartiti in autobus dopo poco faremo una sosta ancora: la Pieve di S. Giovanni Battista a Ponte allo Spino, proprio sotto Sovicille.

Un altro gioiello della campagna senese, la cui storia eminente sparge i suoi fasti storici ed artistici di cui ancora oggi, pur con esiti diversi e diverse realtà, possiamo ritrovare lo splendore.

Difficoltà: il percorso si sviluppa su strade sterrate e sentieri ben tracciati non particolarmente esposti né disagevoli. Tuttavia è necessaria una buona condizione fisica, sia per la lunghezza del percorso, sia per i dislivelli: lunghezza: ca 15 km – dislivello in salita: ca 600 m ; in discesa ca 550 m , tempo di percorrenza: 5 ore escluse le soste.

Interesse: naturalistico, paesaggistico, artistico e storico.

Abbigliamento: obbligatori scarponi da trekking, giacca a vento, copricapo e ricambio da lasciare in autobus. Consigliati i bastoncini da trekking.

Pranzo: al sacco. N.B. Non ci sono fonti d'acqua lungo il percorso

Ritorno a Perugia: previsto intorno alle ore 19.30.

Costi: da Euro 12 a 15 a seconda del numero di partecipanti

Un eventuale annullamento per maltempo o qualsiasi altra causa verrà comunicato per email entro sabato 03 settembre, quindi gli iscritti all'escursione sono pregati di controllare fra venerdì 02 e sabato 03 settembre la loro posta elettronica, oppure di consultare il sito di Naturavventura. In mancanza di comunicazioni l'escursione risulta confermata e si svolgerà regolarmente come dal presente programma.

 L’escursione è riservata esclusivamente ai soci in regola con il pagamento della quota sociale per l’anno in corso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I dettagli dell'iniziativa saranno pubblicati in tempo utile per la partecipazione alla stessa

Prenotazioni:


Per leggere i dettagli di questo campo, devi risultare iscritto all'associazione: se lo sei clicca qui:
Accedi.
In caso contrario Iscriviti o Rinnova
Pubblicato su