Skip to main content

LAZIO: Tracce di vita imperiale nel Mediterraneo

Data: 
Da venerdì 2 a domenica 4 giugno 2017

L’ISOLA DI VENTOTENE E MOLTO ALTRO…

Terracina - Ventotene - Gaeta

Trascorriamo insieme il ponte del 2 Giugno in un territorio dove paesaggio naturale, leggende, storia e arte si integrano offrendo sensazioni che si potenziano reciprocamente.

La sinteticità dell’elenco che segue vuole essere soltanto un richiamo alle emergenze più significative tra le tante che caratterizzano i luoghi.

Natura : Pisco Montano a Terracina; Punta Arco, Punta Eolo e le Cale a Ventotene; Monte Orlando con le sue pareti “spaccate” a Gaeta.

Leggende: I mitici Lestrigoni o gli esuli Spartani alle origini di Terracina; forse l’incontro di Ulisse con le sirene a Ventotene; le peregrinazioni degli Argonauti e di Enea legate alle origini di Gaeta.

Storia: Bonifiche della Palude Pontina a Terracina; Il Manifesto europeista a Ventotene; I fortilizi a Gaeta.

Arte e Archeologia: Il Tempio di Giove Anxur e il Foro Emiliano a Terracina; La villa di Giulia e le Cisterne a Ventotene; i Mausolei e la Chiesa della SS. Trinità a Gaeta.

Dal tempio di Giove una “finestra” sul mare : Terracina

Terracina e Gaeta non sono solo spiagge, mare e divertimenti notturni. A Terracina chiuse nelle antiche mura medievali ci sono i resti di un tempio romano, mosaici, un foro romano accanto al quale corre intatta la Via Appia antica, una cattedrale medievale costruita con resti, statue e reperti romani e il basamento enorme di un tempio dedicato a Giove che guarda il mare.

Gaeta vista da Monte Orlando

A Gaeta c’è Monte Orlando, un piccolo ma prezioso gioiello dove in poco spazio troviamo panorami marini di incomparabile luminosità; profonde spaccature nella roccia, effetti dei fenomeni geologici, ai quali la credenza popolare ha legato la morte di Cristo; una ricchissima presenza di specie vegetali, manifestazione copiosa della fertilità e della vitalità naturale e una notevole presenza di manufatti umani. Esso è la continuazione dello sperone di roccia dove sta l’antico centro storico di Gaeta: S. Erasmo, il cui panorama, con le inconfondibili forme del campanile romanico e del castello angioino-aragonese si ammira dalla sommità del colle.

La facile raggiungibilità di Terracina e di Gaeta, il loro essere ricorrenti mete turistiche ci ha portato a rivolgere la massima attenzione alla “lontana “ Ventotene.

L’isola di Ventotene è un bastimento carico di storie, sogni, favole e poesie che scivola sulle acque dei nostri mari. Sembra che sia sul punto di salpare verso luoghi immaginari per raccontare le sue magie, mostrare i suoi tesori e spiegare come va il mondo, in perenne equilibrio tra bene e male, bello e brutto.

In realtà il bastimento con lo scafo di tufo ruvido e friabile è ancorato da sempre in quel fazzoletto di mare luccicante e trasparente. Dunque non naviga, sta lì fermo; anello di congiunzione tra gli abissi e il cielo.

L’isola di Ventotene è un paradiso da scoprire in primavera per apprezzarne fioriture e profumi, silenzi e ritmi lenti; scegliendo tra escursioni naturalistiche, birdwatching, giri in barca, visite a musei, siti archeologici e percorsi storici, dal Porto Romano, alle memorie del Manifesto europeista del 1941.

L’antica Pandataria (“dispensatrice di ogni cosa”) chiamata così dai Greci, è ancora un intimo luogo dell’anima, un minuscolo rifugio fuori dalle rotte del turismo di massa.

Si propone per quest’isola un’escursione che porta a ripercorrere tutte le età di Ventotene, un itinerario di scoperta che tocca i luoghi di maggior interesse storico, delineando un percorso nel tempo e tra i segni che il tempo ha lasciato nello spazio dell’isola.

 

 

PROGRAMMA DI MASSIMA

VENERDI 02 GIUGNO 2017

Partenze: da Perugia, piazzale del Borgonovo, lato Centova, alle ore 7,00 precise e da Ponte San Giovanni, piazza del Mercato, davanti alla caserma dei Carabinieri, alle ore 7,15.

Arrivo: a Terracina alle ore 11,30 circa , incontro con la Guida e visita al Tempio di Giove Anxur. Pranzo: al sacco a cura dei partecipanti. Trasferimento in pullman per la visita guidata ad alcuni dei siti più interessanti della città (Pisco Montano, Duomo, Foro Emiliano, Museo).

Qualora si avesse tempo sufficiente a disposizione gli organizzatori, d’accordo con la Guida, proporranno una breve visita alla Villa di Tiberio e all’attiguo Museo di Sperlonga. Cena e pernottamento a Gaeta.

SABATO 03 GIUGNO 2017

Prima colazione in albergo. Partenza ore 8,00 in pullman per Formia; trasferimento in traghetto (ore 8,45) per raggiungere l’isola di Ventotene ( arrivo ore 10,45). Visita guidata dell’isola e delle sue bellezze storiche e paesaggistiche. Pranzo al sacco a cura dell’albergo. Ritorno: da Ventotene a Formia (ore 17,30 -19,30) in traghetto; in pullman da Formia a Gaeta. Rientro in albergo a Gaeta ore 20,00. Cena e pernottamento.

DOMENICA 04 GIUGNO 2017

Prima colazione in albergo. Incontro con la Guida, trasferimento in pullman alla Montagna Spaccata per visitare la Grotta del Turco e poi per un’ escursione sul Monte Orlando fino al Mausoleo di Lucio Munazio Planco.

Pranzo al sacco a Gaeta-città a cura dei partecipanti. Nel pomeriggio visita ai monumenti più significativi. Rientro a Perugia intorno alle 22.

Interesse: paesaggistico e naturalistico, storico e culturale.

Difficoltà: nessuna, escursioni senza particolari difficoltà.

Attrezzatura: giacca a vento per la pioggia, scarponi da trekking e bastoncini, scarpe comode per le visite alle città.

Quota di partecipazione individuale:

con un minimo di 25 partecipanti = Euro 280,00

con un minimo di 30 partecipanti = Euro 265,00

con un minimo di 35 partecipanti = Euro 250,00

La quota comprende:

  • Viaggio in pullman gran turismo come da programma;

  • Vitto e alloggio dell’autista;

  • 2 mezze pensioni in albergo ctg. 3 stelle a Gaeta;

  • Visite guidate come da programma;

  • Il pranzo al sacco del secondo giorno;

  • Traghetto, tassa di sbarco;

  • Assicurazione medico-bagaglio.

La quota non comprende:

  • Ingressi a musei, chiese, aree archeologiche o altri luoghi dove è previsto un biglietto di ingresso;

  • Due pranzi e la cena del terzo giorno;

  • La tassa di soggiorno;

  • L’assicurazione annullamento, da richiedere al momento dell’iscrizione;

  • Quanto non incluso alla voce “La quota comprende”.

L’escursione è riservata esclusivamente ai soci in regola con il pagamento della quota sociale per l’anno in corso.

Prenotazioni:


Per leggere i dettagli di questo campo, devi risultare iscritto all'associazione: se lo sei clicca qui:
Accedi.
In caso contrario Iscriviti o Rinnova
Pubblicato su