Skip to main content

La notte di San Giovanni (serata con cena)

Data: 
Giovedì 23 giugno 2011

La Notte di San Giovanni: l'Acqua, il Fuoco, il Santo, il Solstizio d'Estate

Casale Bellini - Palazzo d'Aiale (ritrovo nel tardo pomeriggio)
 

L'ACQUA: raccolta di erbe odorose e fiori per ottenere l'acqua odorosa. 

I FUOCHI E I SALTI: al calar del buio verranno accesi i fuochi, fulcro della festa come accadeva sino a pochi lustri fa, quando, sulle colline e monti d'Europa e quindi anche da noi, a centinaia illuminavano l'arrivo dell'estate: è bene augurale saltarvi sopra avendo ben chiare le cose che vorremmo veder cambiare nella nostra vita. 

IL CIBO: rigorosamente senza carne, verrà portato da ogni partecipante, quale segno di ammissione alla festa, con particolare apprezzamento per le ricette originali. 

LA 

VEGLIA: attorno al fuoco si racconteranno storie, memorie, leggende e quant'altro riguardante la "notte di mezza estate".

LE MAGIE: saranno quelle dei falò (forse quelle dei vostri sogni). 

IL GUANCIALE: sotto di esso vanno messe “le erbe di San Giovanni” legate in mazzetto in numero di nove, compreso l’iperico, per avere dei sogni premonitori.

LA PROSPERITÀ: a mezzanotte si deve cogliere un ramo di felce e tenerlo a casa per aumentare i propri guadagni, così come durante il giorno di San Giovanni se si compera un aglio si avrà un anno prospero. 

LA DANZA: a volte la notte, con o senza strumenti, invitava al ballo sublimando l'ora e la stanchezza. 

IL CAPODANNO: per i grandi alchimisti, i Templari, l'anno iniziava nel giorno di San Giovanni. 

IL BATTESIMO: alla fine della festa con l'acqua odorosa. 

LE STREGHE: saranno presenti alla veglia. 

 
B U O N     S O L S T I Z I O !
 
Per eventuali altre informazioni chiamare: