Skip to main content

Il Mare d'inverno - La Costa d'Argento

Data: 
Domenica 17 dicembre 1995


Partenza: ore 7. Ritrovo dei soci a Piazzale Europa alle ore 6,45.
Percorso in pullman: Perugia-Bettolle-Siena-Grosseto-Albinia-Capalbio Scalo.
Percorso a piedi: Dalla strada asfaltata che da Capalbio Scalo conduce ad Ansedonia tramite una strada sterrata si raggiunge il mare e si continua sulla spiaggia fino a raggiungere la Torre Puccini e visitare nei pressi i resti del Portus Cosanus, la Tagliata Etrusca ed il Bagno della Regina. Tramite una scalinata a picco sul mare si risale il promontorio, attraversando il fitto insediamento di villette che ne ricopre interamente i fianchi. A quota m 113 si raggiunge sulla cima la zona archeologica di Cosa, con interessanti resti del Capitolium, del Foro, con un museo ed un ampio panorama sul l'Argentario e sulla laguna. Si discende per altra via alla base del promontorio per imboccare l'entrata orientale della Riserva naturale della Feniglia, che si sviluppa sull'omonimo Tombolo. Il pullman ci aspetta all'uscita occidentale. Sosta ristoratrice a base di pizza al taglio e birra a Porto Ercole (i.y.l.). Lungo la strada del ritorno sosta alle Cascate del Molino a Saturnia per un bagno notturno in acqua calda sulfurea (37°).
Pranzo e cena: al sacco.

Ritorno: previsto intorno alle ore 23.

Interesse: archeologico, naturalistico, paesaggistico.

Difficoltà: medie, per la lunghezza del l'itinerario. A Saturnia non è necessario saper nuotare.
Abbigliamento consigliato: scarponcini da trekking, giacca a vento, costume da bagno, asciugamano, accappatoio, ciabattine. Una torcia elettrica è opportuna.
Informazioni ed iscrizioni: non oltre la sera di giovedì 14: Marcello Catanelli, Fabrizio Pottini

L'escursione è esclusivamente riservata ai soci in regola con il pagamento della quota sociale per l'anno in corso.
 

Pubblicato su