Skip to main content

GAETA E SPERLONGA

Data: 
Mare d'inverno 2005

GAETA E SPERLONGA 
(Mare d'inverno 2005)
di Giancamillo

 

Carlo e Claudio, tanto bravi
c'hon' portato al Mar d'Inverno
a vede' ruvine e scavi
'n po' al chiuso, 'n po' a l'esterno

'N su e 'n giù c'honno scarrozzato
tra Gaeta e Terracina
ma 'l più ch'honno fatigato
è pe' sta' dietr' a la Mimmina

Nun veniva via da mesi
ma ha fatt' subito casino
mentre j'altri en' già riscesi
lia ricerca l'orecchino

Sarìa come artrova' 'n ago
'ntol pajar' sott' al metulo
ma nun serve d'esse 'n mago
basta avecce bompo' culo

Se fa tardi, c'è chi sbotta
e scatena 'n putiferio
perché vole gi' a la grotta
de la villa de Tiberio

La Giovanna, dama bianca
nun gne regge la vescica
e la fa, quando se stanca
pure 'n mezzo a l'Appia Antica

'Nt' la strada abiricchiata
da Ceprano fin' a Itri
lia poretta s'è sturbata
e n' ha fatta du' o tre litri

De le camere d'albergo
(grand hotel a 4 stelle)
n' ha cambiate almeno cento
l'acqua calda 'n c'è 'nduelle

Da la doccia o dal pidello
j' esce 'l rocchio tutto 'n gelo
ta quil povero pischello
j' ha fatt' pelo e contropelo

Nun se strica 'sta matassa
ma qualcuno 'n po' più sgaggio
nel frattempo se rilassa
perché c' ha l'idromassaggio

E' 'n albergo d'apparenzia
c'è anche 'l Centro del Benesse
ma per artrova' la stanzia
te ce vole 'l GPS

Pu' hen' trascorso la serata
festeggiando ta Monarca
'l giorno doppo giù a Gaeta
c'era 'l vento come 'n barca

Carlo e Claudio, tanto bravi
hon' guidato con premura
'sti cinquanta sciamannati
de Naturavventura