Skip to main content

Appennino: Monte Pennino

Data: 
Domenica 4 ottobre 2020 - rinviata per maltempo a data da destinarsi

Il monte Pennino è una montagna dell’appennino umbro marchigiano che raggiunge i 1571 m slm al confine tra Umbria e Marche. È il monte più alto del territorio comunale di Nocera Umbra, alle sue pendici nascono i fiumi Topino e la Scurosa che confluisce nel fiume Potenza. Conserva il nome della cultura celtica, con riferimento alla divinità Pen, genio della montagna il cui nome è a sua volta riferito a cima o altura. La vetta offre uno stupendo panorama a 360°, da un lato verso l’Umbria, con l’altopiano di Collecroce e Annifo, il monte Subasio, Perugia e il Monte Tezio, dall’altro verso le Marche, con i monti Vermenone e Linguaro, il Monte Igno, la valle di Pioraco e il Monte San Vicino. Nelle giornate più limpide si vedono il Trasimeno, i Sibillini, e i Monti della Laga, il Terminillo e perfino il mare Adriatico e il Gran Sasso d’Italia.

Ritrovo e partenza: con auto proprie ore 8.30: Perugia - Borgonovo. Si ricorda di portare con sé il modulo di partecipazione già compilato e sottoscritto, da consegnare alla socia coadiuvante e di essere muniti di tutti i dispositivi di sicurezza richiesti dal Regolamento escursionistico Covid19 (mascherine, guanti, gel disinfettante, buste per mascherine e guanti usati e per ricambio indumenti). Formazione degli equipaggi in base alle disposizioni ministeriali.

Tragitto in auto: Perugia – Ponte S. Giovanni – E45 direzione Foligno – uscita Colfiorito. Qui faremo una breve sosta alle Casermette per la colazione, proseguiremo poi per Annifo – Collecroce. L'ultimo tratto di circa tre chilometri è su strada bianca fino ad arrivare al primo tornante dello stradone che svalica il monte. La percorrenza è di circa 1 h e 10 m.

Percorso a piedi: si parte dal tornante e si prende una strada bianca verso la Bocchetta della Scurosa, che prima in lieve discesa e poi in salita, progressivamente più ripida, porta alla sella tra Monte Pennino e Monte Acuto. Chi vuole sale in 5 minuti alla vetta dell'Acuto, che presenta alcuni piccoli tratti di roccia da arrampicare mani e piedi, senza esposizione, per poi tornare alla sella. Si prosegue verso il Monte Pennino seguendo tracce di sentiero nei prati, fino ad arrivare alla sella tra il Colle della Croce e la vetta del Monte Pennino. In circa dieci minuti su ripido prato si raggiunge la vetta ove si trova un punto trigonometrico. Pranzeremo godendoci gli splendidi panorami con splendidi panorami sui vicinissimi monti marchigiani e un bel colpo d'occhio tutto intorno. Dopo pranzo si scende dalla vetta e si raggiunge con breve dislivello la croce posta a quota più bassa (1534 m) al colle omonimo (facoltativo, perché poi si torna allo stradone bianco), poi si prosegue in discesa costeggiando la strada bianca che sale da Collecroce, tagliando i tornanti. In questo tratto, in discesa per tracce di sentiero sono indispensabili i bastoncini.

Interesse: paesaggistico e naturalistico.

Difficoltà: l'escursione è di montagna di media difficoltà, richiede pertanto un buon allenamento. Il percorso totale è di circa 12 km, con 750 m di dislivello in salita e discesa. Il tempo di percorrenza è stimato in circa 5 ore, escluse le soste.

Abbigliamento: obbligatori scarponi da trekking, abbigliamento da escursione, cappellino, e adeguata scorta di acqua. Indispensabili bastoncini per la discesa.

Pranzo: al sacco.

Quota di partecipazione: costo carburante da dividere tra gli equipaggi.

Ritorno a Perugia: indicativamente entro le ore 19.30.

L’ iniziativa è riservata ai soci in regola con il pagamento della quota associativa dell’ anno in corso

Prenotazioni:


Per leggere i dettagli di questo campo, devi risultare iscritto all'associazione: se lo sei clicca qui:
Accedi.
In caso contrario Iscriviti o Rinnova
Pubblicato su