Skip to main content

APPENNINI: ORRIDO DI BOTRI (in tenda)

Data: 
Venerdì 6 Sabato 7 e Domenica 8 luglio 2001

- periodo di Luna Piena -

 

Si cercano Soci disposti a partecipare ad una escursione particolare. Attenzione: c’è scritto "particolare", non "difficile". Un pizzico di avventura nella natura, insomma, quali soci di NaturAvventura, ove le comodità saranno solo quelle che potremo portarci sulle spalle.

In compenso ci attende un posto bellissimo e incontaminato, altamente suggestivo, una sorpresa per chi (sicuramente pochissimi) non vi è mai stato. Per i pochi che non lo sanno, l’Orrido di Botri si trova in Toscana, Provincia di Lucca, ai margini dell’Appennino Pistoiese e dell’Abetone.

Dovremo formare un gruppo composto da persone che si conoscono, che si stimano, un gruppo di amici, insomma, in grado di vivere per tre giorni con lo spirito comunitario.

Caratteristiche:  

    • l’escursione dura 3 giorni consecutivi
    • il viaggio è con mezzi propri
    • si dorme all’aperto, in luoghi di montagna, nella tenda che avremo portato sulle spalle (i carichi andranno ripartiti)
    • per due giorni si cucina da noi; quindi bisogna fare la spesa prima
    • tutti possono partecipare, purchè regolarmente iscritti per l’anno 2001, ma per i motivi detti, il gruppo sarà limitato nel numero
    • grado di difficoltà secondo la classificazione CAI: "E"
    • lunghezza del percorso: 30 km. in tutto; dislivello complessivo da superare: 800 metri
    • il costo presunto per persona (benzina+vitto+altro) è di £. 80.000

 

Attenzione: non vi scoraggiate sin d’ora se la descrizione vi pare troppo cruda, se non avete la tenda, oppure non sapete cucinare. E’ più importante che capiate lo spirito di fondo della proposta, che è di fare una inconsueta vacanza insieme con altri amici. Poi vedremo chi ha i beni e che cosa possiamo socializzare.

Alla fine di giugno si terrà la riunione organizzativa, la cui data verrà precisata in seguito. Per l’intanto si accettano iscrizioni. Per informazioni telefonare a Fausto Luzi. Astenersi perditempo.

L’escursione è riservata ai soci in regola con il pagamento della quota associativa per l’anno 2001

CHE AVVENTURA ALL’ORRIDO DI BOTRI

(PICCOLO RESOCONTO PER I Più’ CURIOSI) di Fausto Luzi

 

Come se fossero degli "Eta Beta", dai loro zaini sono emerse cose inimmaginabili: fiaschi di vino, litri di succhi di frutta, macchine fotografiche giganti, stecche di cioccolata, diete spinte, creme e unguenti, barattoli di frutta sciroppata, indumenti intimi di alto livello estetico.

Poiché Eta Beta non erano, ma soci di Naturavventura, con tanto sudore sono stati superati i 1.000 metri di dislivello.

Che suggestioni, che sensazioni! Passare per un bosco di felci, trovarsi a secco vicino ad una sorgente inaridita, essere immersi nella nebbia oscura, sentire la tenda oscillare dal vento impetuoso, gustarsi il calore del fuoco di bivacco. Inoltre essere svegliati alle ore 8,00 dalla falciatrice del giardiniere che a 1.800 metri di altezza pulisce il prato dove siamo accampati dalle erbacce!

E poi, tutti con il casco protettivo dentro l’Orrido, dalle rocce scivolose e con l’acqua alle ginocchia.

Infine un grazie a chi (sia pure con il volto contrariato del direttore di gita) porta le auto al punto giusto e al momento giusto, cioè dopo il lauto pranzo finale.

Tutto bene insomma, un bel gruppo affiatato, tre belle giornate piene che i 21 partecipanti non dimenticheranno facilmente.

Ci sarà un seguito?….

Pubblicato su