Skip to main content

APPENNINI: Alpe della Luna - da Borgo Pace a Lamoli

Data: 
Domenica 27 agosto 2006

VENTENNALE

 L'Alpe della Luna, tra il Montefeltro e la Val Tiberina, è ricca di boschi e rappresenta un grande polmone verde, con rare strade al suo interno. Le pendici montane sono ricoperte in prevalenza da boschi cedui e nelle zone più elevate da faggete, il bosco è saltuariamente interrotto da radure, lembi erbosi e prati pascolo. Dove la copertura vegetale è assente si trovano fenomeni di erosione diffusa ad opera di agenti esogeni che hanno modellato con incisività la morfologia dei versanti, creando dei tratti di terreno argilloso. Il tratto che percorreremo sul crinale ci offrirà scenari di grande suggestione e ampi panorami: dai massicci carsici del Nerone, Catria e Cucco, sino al parco regionale del Sasso di Simone e Simoncello.

Partenza in autobus : ore 8 dal piazzale del Bove.

Percorso in autobus: Perugia - San Giustino - s.s. di Bocca Trabaria - Borgo Pace.

 

 

Percorso a piedi: Partiremo da Borgo Pace (m. 469 slm) ultimo comune prima della dorsale appenninica. Qui i torrenti Meta e Auro si uniscono per diventare il Metauro, che porta le acque dell'Alpe della Luna sino all'Adriatico. Per una comoda carrareccia, imboccheremo il sentiero 83 ed inizieremo a salire fino al Monte Gaggino (m. 753 slm) dove troveremo una zona adibita a pascolo, continueremo a camminare nel bosco con qualche tratto di radura e arriveremo al Colle Spicchio di Sopra (m. 765 slm) dove incroceremo il sentiero 80 nei pressi di una pozza d'acqua usata come abbeveratoio dagli animali. Si continua fino al Monte Spicchio (m. 847 slm) dove il sentiero si restringe nel bosco e si arriva fino al crinale dove si alterneranno tratti di bosco a tratti scoperti su terreno argilloso. Per circa un'ora e mezza il sentiero continua sul crinale tra "dolci sali e scendi" mentre è possibile scorgere a valle la s.s. di Bocca Trabaria ed il paese di Sompiano. Raggiungeremo Poggio Corniolo (m. 802 slm) dove si può fare la sosta pranzo, poi un tratto ancora in salita fino al Monte Lucano (m. 893 slm). Da qui si inizia a scendere fino al bivio con la strada sterrata, che, sempre in discesa, dopo circa 4 km ci porta al paese di Lamoli (m. 600 slm) dove avremo modo di ammirare l'antica abbazia benedettina dedicata a San Michele Arcangelo, imponente costruzione in pietra in tardo stile romanico. Presso l'abbazia, inoltre, è allestito il museo dei colori naturali "Delio Bischi" che propone documenti d'archivio, testi e un percorso per approfondire la natura del colore vegetale, la coltivazione delle piante tintoree e il loro impiego per la colorazione di filati e di tessuti. Protagonista assoluto "il guado", il cosiddetto "oro blu", una pianta usata fino al XVII secolo per tingere di blu e poi via via messo da parte dopo l'arrivo del meno costoso "indaco" coltivato in oriente.

… strada facendo, prima di arrivare al paese di Lamoli faremo un incontro piuttosto insolito, cercate di lasciare qualche provvista mangereccia, l'incontro di cui sopra ne sarà molto contento!!!

 

 

 

Difficoltà: circa 5 ore di cammino - dislivello in salita mt.500, in discesa mt.380 - alcuni brevi tratti sono scoperti e possono dare problemi di vertigine.

 

Interesse: paesaggistico, naturalistico, culturale.

 

 

Abbigliamento: scarponi da trekking, k-way, copricapo e ricambio da lasciare in autobus.

 

 

 

Pranzo: al sacco.

 

Ritorno: previsto intorno alle ore 20.

Costo: da 12 a 15 euro per l'autobus a seconda del numero dei partecipanti + 3 euro ingresso e visita guidata al museo.

 

 

Prenotazioni: da lunedì 21 a venerdì 25 agosto 2006 fino ad un massimo di 52 partecipanti, telefonando dalle ore 20 alle 22 a Zarmanian Giovanna oppure Tosti Sonia escluse segreterie telefoniche.

L’escursione è riservata esclusivamente ai soci in regola con il pagamento della quota sociale dell’anno in corso.

Pubblicato su