Skip to main content

Legambiente

Condividi contenuti
Aggiornato: 4 ore 18 min fa

Dopo il condono ora gli inceneritori: più che il Governo del cambiamento sembra l'esecutivo Berlusconi dei primi anni 2000

Gio, 15/11/2018 - 17:37

Salvini dichiara: un inceneritore per provincia. Legambiente: "Dopo il condono ora gli inceneritori: più che il Governo del cambiamento sembra l'esecutivo Berlusconi dei primi anni 2000. La Campania sui rifiuti non ha bisogno di questa commedia, di annunci anacronistici, antieconomici ma di scelte chiare, efficaci ed innovative"

"Dopo il condono edilizio ora è il turno della proposta di realizzare un inceneritore per provincia: più che il Governo del cambiamento sembra l'esecutivo Berlusconi dei primi anni 2000. Dopo 15 anni sentiamo infatti gli stessi proclami e le stesse ricette inaccettabili sulle politiche ambientali. Ma soprattutto ancora una volta assistiamo alle prese di posizioni di due Vicepremier in contraddizione tra loro, che controbattono sui social e sulla stampa.

leggi tutto

Basta condoni edilizi in Italia. L'appello congiunto di Legambiente, i rappresentanti dei costruttori, dei lavoratori edili, dei comuni colpiti dal sisma, degli architetti e dei geologi, degli studenti e di varie associazioni della società civile

Mer, 14/11/2018 - 14:35



L’appello di Legambiente, Associazione nazionale costruttori edili, Cgil, Cisl, Uil, Fillea-Cgil, Filca-Cisl, Feneal-Uil, Anci Marche, Consiglio Nazionale Architetti, Coord. Enea Flc-Cgil, Accademia Kronos, Libera, Rete della Conoscenza, Sigea-Società Italiana di Geologia Ambientale e Symbola:

"Basta condoni edilizi in Italia. Il Senato modifichi il Decreto Genova abolendo le norme salva abusi previste per Ischia e le zone terremotate del Centro Italia. La priorità del nostro Paese deve essere quella di garantire la sicurezza dei cittadini e del territorio”

Domani sit-in ore 9.30 a Piazza Vidoni, vicino a Palazzo Madama per dire no ai condoni

 

"Basta condoni edilizi in Italia. L’Aula del Senato abbia il coraggio di modificare il Decreto Genova approvando e licenziando un testo che non contenga più quelle norme salva abusi previste per Ischia e per le zone terremotate del Centro Italia. Lo faccia confermando l’approvazione dell’emendamento all’articolo 25, passato ieri sera in Commissione Ambiente e Lavori pubblici, che sopprime il condono nell’isola di Ischia.

leggi tutto

Inquinamento fuori controllo: già 11 le città fuorilegge per PM10 in Italia

Mer, 14/11/2018 - 12:59

Ozono e polveri sottili responsabili di numerose morti premature in Europa e in Italia. Cittadini più informati e soluzioni partecipate grazie al progetto CAPTOR: una rete europea di cittadini, Ong, scienziati e istituzioni contro l’inquinamento atmosferico

Sono 11 le città già fuorilegge per aver superato il limite di 35 giorni all’anno con concentrazioni medie di PM10 superiori a 50 microgrammi/metro cubo, a partire da Lodi (centralina di viale Vignati) con 57 giorni, seguita da Torino (Rebaudengo) con 56, Milano (Senato) con 47 e poi Padova (Arcella) con 44, Alessandria (D'Annunzio) e Venezia (V.

leggi tutto

Legge sui piccoli comuni: subito i decreti attuativi e più risorse

Mar, 13/11/2018 - 11:37

Già duecento firme di sindaci all’appello che Legambiente, Anci, Associazione Borghi Autentici d’Italia e Uncem hanno indirizzato al Presidente del Consiglio Conte: “Si attui la legge sui piccoli comuni emanando i decreti attuativi e si stanzino maggiori risorse per i borghi, perché quelle previste dalla legge sono al momento bloccate e non sufficienti”

A oltre un anno dall’approvazione della legge sui piccoli comuni (l. 158/2017), mancano ancora all’appello i decreti attuativi previsti.

leggi tutto

Legambiente presenta a Ecomondo i dati dei progetti fishing for litter

Ven, 09/11/2018 - 10:57

Negli ultimi sei mesi recuperate 4,8 tonnellate di rifiuti dai fondali marini nei progetti sperimentali del ‘fishing for litter made in Italy’ realizzati nell’Arcipelago Toscano, a Porto Garibaldi (Fe), Manfredonia (Fg) e Terracina (Lt) grazie al coinvolgimento dei pescatori. La maggior parte dei rifiuti è rappresentata da plastica e in particolare da oggetti monouso. Ora l’Italia giochi un ruolo da protagonista nella lotta al marine litter approvando subito una legge nazionale sulle plastiche monouso e per consentire ai pescatori di fare gli spazzini del mare.

Nell’Arcipelago toscano da maggio a settembre 2018 sono state 1,8 le tonnellate di rifiuti raccolte dai fondali marini. Altre 1,6 tonnellate sono state recuperate a Terracina (Lt) nel Lazio, in due mesi di attività. Passando dal Tirreno all’Adriatico, anche a Manfredonia, in Puglia, va in scena questa particolare attività di pesca a strascico: oltre a catturare pesci, i pescatori tirano infatti su dalle reti rifiuti di ogni tipo, dalle reti per la coltivazione delle cozze a bottiglie di plastica, addirittura pneumatici.

leggi tutto

Oggi Cdm sul maltempo. Legambiente: "Servono risorse e tempi certi per un piano di riduzione del rischio idrogeologico nel Paese".

Gio, 08/11/2018 - 12:55
    L’Italia continua a spendere troppo per le emergenze, in media 3,5 miliardi di euro
all’anno dal dopoguerra ad oggi, e poco per la prevenzione   Ad oggi individuati dalle Regioni circa 9.000 interventi sul territorio per 30 miliardi di euro complessivi Legambiente: "Servono risorse e tempi certi per un piano di riduzione del rischio idrogeologico nel Paese. Quanti soldi ha intenzione di stanziare il Governo e con quale crono-programma nei prossimi anni?   Il vero problema è l’eccessiva cementificazione, legale e illegale, del territorio a partire dalle aree a rischio.
Servono vincoli per fermare il consumo di suolo in queste aree, interventi di delocalizzazione
di edifici e industrie e abbattimenti delle strutture abusive”   leggi tutto

Decreto Sicurezza, Legambiente: “Il dl Salvini aumenterà solo l’insicurezza”

Mer, 07/11/2018 - 13:30

Pesante errore per il Paese smantellare il sistema SPRAR. Gravissima la vendita dei beni confiscati alle mafie. Inaccettabile l’eliminazione della protezione umanitaria. La riduzione dei diritti e delle possibilità di legalizzazioni accrescerà il numero di clandestini.

A dispetto del nome, ci sono molti presupposti affinché il decreto Sicurezza crei sul nostro territorio molta insicurezza. Con la soppressione della protezione umanitaria numerosi richiedenti asilo presenti sul territorio rischiano di non vedere accolta la loro richiesta e di ritrovarsi in una condizione di illegalità, che creerà solo nuova insicurezza, ulteriori paure e resistenze, di cui una parte della politica potrà continuare ad alimentarsi.

leggi tutto

Maltempo. Legambiente: “Il clima sta cambiando e la Penisola continua ad essere impreparata. Ora il Governo approvi un piano nazionale di adattamento al clima e una normativa per fermare il consumo di suolo"

Dom, 04/11/2018 - 13:47

Maltempo: esondano i fiumi nel palermitano. Dodici i morti. In Veneto la conta dei danni. Italia sempre più fragile e insicura anche a causa dei cambiamenti climatici. 7,5 milioni i cittadini che vivono o lavorano in aree a rischio frane o alluvioni

 

Dal Veneto alla Sicilia, dalla Liguria al Lazio, compresa l’isola di Ischia, sono tanti i territori colpiti in questi giorni e in queste ore dal maltempo con frane, esondazioni, trombe d’aria e tutto ciò che ne è conseguito. Da ultimo la strage di alberi nei boschi del Trentino, dell’Alto Adige, Veneto e Friuli e il maltempo che si è abbattuto sulla provincia di Palermo  dove si contano al momento dodici morti. Il clima sta cambiando, ormai è un dato di fatto, eppure l’Italia continua ad essere impreparata.

leggi tutto